psicologo Salerno

Disturbi sessuali

I disturbi sessuali

Hanno spesso origine nella psiche umana, ovvero sono legati ai problemi di origine psicologica personale o anche inter-personale, che l’individuo riversa a livello somatico-sessuale.

Quando siamo in presenza di un disturbo sessuale, quindi, se non sussistono altre cause fisiologiche quali patologie di origine fisica come: menomazioni, disfunzioni ormonali o altro, oppure l’eziologia è da ritenersi abbia origine in altri fattori legati ad agenti esterni quali abuso di alcool, farmaci o sostanze stupefacenti, allora possiamo stabilirne la causa a livello psicologico.

I disturbi sessuali, comprendono una vastissima tipologia di problematiche inerenti la sfera sessuale, composta da disturbi di varia e diversa natura, e spesso sono innescati da alcune dinamiche interne e relazionali.
Influiscono inoltre anche:

  1. La mancanza di esperienza e di conoscenza di se stessi e quindi della fisiologia dell’apparato genitale maschile e/o femminile del partner, le sue esigenze e le tempistiche dell’atto sessuale.
  2. L’avere una serie di conflitti interni che allontanano dal piacere sessuale;
  3. Essere in conflitto con il partner ed evitare così il più possibile i rapporti sessuali;
  4. Il timore di avere una defaiance che si traduce in ansia da prestazione e paura di deludere
  5. Incapacità di rilassamento e distensione dell’organismo in tutte le sue componenti
  6. La paura di contrarre  malattie derivanti dal rapporto sessuale).

La reattività ed il funzionamento sessuale della persona è contraddistinto dalla cosidetta “Risposta sessuale“, ovvero da un ciclo costituito da quattro fasi distinte, ma unite tra loro e strettamente necessarie l’una per il verificarsi dell’altra successiva. A seconda delle varie “fasi” della pratica sessuale (desiderio, eccitazione, orgasmo, risoluzione), si possono elencare alcune problematiche comportamentali:

  • Desiderio sessuale scarso o inesistente
  • Avversione per i contatti e gli approcci sessuali
  • Mancata risposta fisiologica durante l’eccitazione e la stimolazione sessuale
  • Senso del piacere inesistente durante l’attività sessuale
  • Assenza di orgasmo costante, nonostante le attenzioni sessuali del partner
  • Sofferenza genitale prima, durante o dopo un rapporto sessuale.

– Leggi: Come affrontare il disagio

Vi sono poi le numerose parafilie o perversioni sessuali, comportamenti sessuali cioè fuori dalla norma, che comprendono:
Esibizionismo: Bisogno di mostrare i genitali ad estranei o di masturbarsi in pubblico Feticismo: Trarre eccitazione da oggetti inanimati (scarpe, biancheria intima, calze, guanti…) Fobolagnia: Stato di eccitazione sessuale che si verifica solo in luoghi o situazioni pericolose per se’ o per il partner Frotteurismo: il bisogno o il comportamento che porta a toccare o palpeggiare il corpo di una persona contro la sua volontà; Masochismo: Ricerca del piacere sessuale attraverso la violenza fisica o morale verso se stessi Sadismo: Ricerca del piacere sessuale attraverso la violenza fisica o morale verso il partner Voyeurismo: Trarre piacere nel vedere altre persone nude, mentre si spogliano o stanno compiendo atti sessuali

La terapia dei disturbi sessuali:

Una volta fatta un’anamnesi corretta, la valutazione sintomatica dello psicoterapeuta escluderà possibili cause al di fuori della componente psicologica, avendo modo di intervenire riguardo:

  • L’ accettazione della sessualità
  • Origine del disturbo sessuale (ad esempio traumi, abusi sessuali, lutti)
  • Influenza di taluni stati d’animo e stati emotivi quali vergogna, sensi di colpa, paura, stress, ansia, depressione, risentimento e collera, che possono impedire la normale attività  sessuale
  • Le prime esperienze sessuali nell’infanzia e nell’adolescenza
  • Modelli sessuali che la persona ha sperimentato nell’infanzia e nell’adolescenza
  • L’influenza della famiglia d’origine
  • L’area lavorativa, familiare e sociale al fine di rilevare la presenza di eventuali condizioni stressanti che distraggano la persona dal desiderio e dall’attività sessuale
  • L’eventualità di consapevolizzare maggiormente l’immagine di sé (sentimenti, pensieri e convinzioni sull’immagine corporea e sulla propria identità
  • Un intervento sull’inibizione sessuale (assertive training sulla condivisione dei bisogni, desideri e fantasie sessuali con il proprio partner)
  • Eventuali fobie e in generale sensazioni legate alla sessualità
  • Elaborazione del vissuto su relazioni precedenti che influenzano lo stato attuale
  • Elaborazione dei sentimenti legati al partner attuale
  • Un miglioramento dei rapporti e della comunicazione all’interno della coppia
  • Potenziamento dell’autostima.

– Leggi: Il cambiamento in psicoterapia

La psicoterapia interviene sui vissuti e sulle cause che hanno come conseguenza alcuni disturbi sessuali, e non sulla cura del disturbo di per sè. In questa maniera la risoluzione del problema avviene in maniera consapevole ed efficace, dando al paziente un angolo di visuale diverso con cui poter valutare il disagio e poter intervenire su di esso.

Mi occupo di disturbi sessuali, presso i miei studi privati in Salerno e provincia. Se volete fare chiarezza sul vostro attuale stato psico-fisico, potete contattarmi e insieme valuteremo la possibilità d’intraprendere un percorso di psicoterapia.

 

Dr.ssa Mirella Mazzaccaro

 

Torna alla Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *