Disturbo ossessivo compulsivo, ecco l’area del cervello che non funziona come dovrebbe

disturbo ossessivo compulsivo doc

I risultati di uno studio che permette di identificare il possibile svilupparsi del disturbo ossessivo compulsivo, per poter agire d’anticipo

I ricercatori dell’Università di Cambridge hanno individuato l’area del cervello che non si attiva nelle persone con disturbo ossessivo compulsivo o in quelle che rischiano di svilupparlo. Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, potrebbe permettere ai medici curanti di diagnosticare la patologia con maggiore anticipo e di approntare un trattamento farmacologico più efficace.

“La scoperta principale della ricerca – spiega Samuel Chamberlain, neuroscienziato della Cambridge University e autore dello studio – è che nelle persone con disturbi ossessivo-compulsivi e nei loro parenti, non affetti dagli stessi problemi, una parte della corteccia orbitofrontale non funziona come dovrebbe”.
Si tratta, infatti, del primo studio che identifica una sottoattività per le persone a rischio di disordini ossessivo-compulsivi…

leggi tutto l’articolo

link sponsorizzati

fonte: salute24.ilsole24ore

  • Se soffri di DOC, parlane nel Forum “Note Dolenti!”, troverai esperti ed amici pronti ad aiutarti… entra
  • Quantifica i tuoi livelli di Doc con il Test qui

 

pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *