Per rispondere devi registrarti o fare il log-in

Autore Topic: Sesso Dipendenza  (Letto 3245 volte)

Nuovo utente
*
Post: 1
Sesso: Maschio
Sesso Dipendenza
« il: 03 Dicembre, 2014, 17:45:10 »
Buonasera,
ultimamnete credo di avere un grave problema di dipendanza da sesso.
Sono sposato ed anche felicemente, ma sempre più spesso mi ritrovo a cercare avventure all'infuori del matrimonio, molto spesso avventure a pagamento, non contento spesso mi capita di far uso di materiale pornografico e conseguente masturbazione, che al momento mi fa stare bene, ma che dopo mi riporta ad uno stato di catatonia e distacco da quello che mi circonda.
Ho sempre creduto di poter governare questa mia dipendanza, ma nella realtà dei fatti ultimamente mi porta a non esser mai soddisfatto, e a continuare ad esser dipendente.
Vorrei interrompere questo ciclo vizioso che mi riporta a cadere sempre nelle stesse dinamiche.
purtroppo non so come uscirne e non ho persone con cui potermi confrontare, e questo mi porta su questo forum a chiedere supporto ed aiuto.
Grazie in anticipo per la collaborazione

Collaboratore
*****
Post: 49
Sesso: Femmina
Psicologa, Psicoterapeuta
    Identità in gabbia
Re:Sesso Dipendenza
«Risposta #1 il: 03 Dicembre, 2014, 18:01:07 »
Gentilissimo Metralo, la sua preoccupazione è comprensibile e ha fatto un'analisi attenta e precisa del suo problema. Uscire da una dipendenza da soli non è impossibile ma di sicuro non è facile.
Per affrontarla al meglio le consiglio di rivolgersi a un professionista specializzato nel campo. È infatti importante non solo limitare e poi eliminare il comportamento dipendente ma capirne le cause.
Può farlo sia privatamente sia presso il servizio pubblico. In genere i servizi che si occupano di dipendenza oggi prendono in carico tutte le dipendenze e non solo quelle da sostanza. Le lascio il link alla banca dati dei servizi che si occupano di gioco d'azzardo patologico e dipendenze comportamentali se vuole vedere cosa c'è nella sua zona. Per un terapeuta privato ci sono molti elenchi dove trova oltre ai nominativi per zona anche le aree di cui si occupano.
Non esiti a scrivere se ha dubbi o altre richieste.
Questo il link per i servizi pubblici http://centrostudi.gruppoabele.org/gambling/?q=node/120

Un caro saluto
Sonia Bertinat
  • "Quando una porta si chiude, altre si aprono, ma spesso passiamo troppo tempo ad osservare con rimpianto la porta chiusa tanto da non vedere quelle che si stanno aprendo per noi."  Alexander Graham Bell
Psicoterapeuta ad orientamento psicodinamico specializzata nella conduzione di terapie di gruppo con l'uso dello psicodramma analitico individuativo

Nuovo utente
*
Post: 1
Sesso: Maschio
Tutto ciò che ha un inizio ha una fine... Neo
Re:Sesso Dipendenza
«Risposta #2 il: 19 Febbraio, 2015, 22:11:19 »
 :) Salve dottoressa.
io la ringrazio sinceramente sia per la sua dedizione a scrivere su questo sito, sia perché sta svolgendo un lavoro molto complesso ed estremamente "variabile".
Nel senso che è indiscutibilmente vasto ed in perenne evoluzione.
Ho trovato estremamente interessante e pertinente, il test denominato SAST.
Come tutto il lavoro svolto da Patrick Carnes ed il suo gruppo di lavoro.

Ho un po' paura a confidarglielo: dato che io temo di avere ben più di 6 risposte positive al test.

Ma innanzitutto volevo chiederle se potevo "azzardare" a comprare ed a leggere sia il libro Don't call it love, sia buona parte della bibliografia di Carnes.
In primis perché mi affascina: e mi intriga moltissimo.
Vorrei farmi una cultura in materia.
e poi... perché sono un po' preoccupato, dal fatto di sentirmi estremamente contento, di aver incontrato online, delle ragazze che a pagamento, soddisfano sia il mio desiderio di essere cercato e stimato... sia quello di trovare delle performers estremamente carine, gentili, disponibili...e molto molto sexy.

Io ho una  ragazza, ho 51 anni, e lavoriamo e viviamo in città diverse.
Ma ho avuto una vita estremamente travagliata, e dolorosa.

purtroppo il sesso mi ha sempre messo in crisi: perché non sapevo se dovevo nascondere tutta la enorme attrazione che provavo fisicamente per le donne...
oppure se potevo sfogare i miei desideri e la mia curiosità, con loro.

Quando ho scoperto le livecam, webcam erotiche, il mio universo mi è sembrato illuminarsi ed uscire dall'oscurità. E dalla staticità.

finalmente potevo capire, conoscere, esplorare, e ... frequentare il sesso "forte" ( per me è il femminile) quanto e come mi pareva.
E soprattutto conoscerle sessualmente,  prima che umanamente.

Diciamo che la mia sincera opinione, è che in questo mondo delle webcam ( costoso lo premetto) ho trovato apprezzamento e stima...oltre che affetto e cortesia... da parte di bellissime e fantastiche ragazze: buona parte di loro NON italiane.

Pertanto io non ho sensi di colpa... se non verso la mia ragazza.
Ma .... ho un piacere immenso a frequentare una ragazza online...

In media una o due volte all'anno conosco una stupenda performer: e frequento assiduamente lei...
piuttosto che altri siti o altre performer.

In questo momento sto attraversando un momento di enorme felicità, perché Leah, la 25 enne con cui faccio l'amore online, è bellissima: e ho sempre desiderato una donna così sexy, accondiscendente e contenta di incontrarmi e far l'amore con me.

Al punto che... non so più che pensare:
devo trovarmi uno psicoterapeuta, per capire e gestire la mia "dipendenza" da Leah ?

Posso considerarmi semplicemente un "adultero" o giù di lì...
oppure tutta questa mia sete di conoscenza, di sesso occasionale con bellissime e perfette donne giovani online, è solo una forma di immaturità ?

Ironicamente, le posso chiedere se posso farmi un Harem ?

La prego di scusare la mia lungaggine: potrei incontrarla...anche per parlarne a lungo con lei, in studio privato.... e fare il punto su di me, sulla mia situazione, per capire :
che strada sto facendo ?
e perché ne sono così arci contento ?

A presto.

 8) Fabio
Welcome to the Real World...

Collaboratore
*****
Post: 49
Sesso: Femmina
Psicologa, Psicoterapeuta
    Identità in gabbia
Re:Sesso Dipendenza
«Risposta #3 il: 21 Febbraio, 2015, 19:16:13 »
Gent.mo Fabio, innanzitutto mi scuso per il ritardo con cui le rispondo.
Per quanto riguarda le letture, ammetto di non conoscerle per cui non saprei che consiglio darle.
Per quanto riguarda la sua richiesta sulla "sanità" del suo comportamento sessuale online è ovvio che qui, essendo un contesto psicologico, non se ne fa una questione morale giudicando il suo "adulterio" nei confronti della sua compagna.
Mi sembra che la sua vita virtuale la appaghi non poco e non descrive un disagio rispetto a questa, anzi, sembra quasi compiaciuto.
Quindi più che darle un consiglio (che non amo mai in generale dare) posso sottoporle delle riflessioni a partire dalle quali può decidere se rivolgersi a un collega o no. Io ricevo a Torino e vedo che lei è di Firenze per cui posso, qualora lo desideri, consigliarle un collega della zona.
Veniamo alle riflessioni:
- come vive la sua ricerca di sesso online? E' uno svago a cui può rinunciare o preferisce rinunciare a parti della sua vita "reale" pur di essere online? Quanto interferisce nella sua vita quotidiana? Quanto lo controlla o ne è controllato? (il suo punteggio al SAST può essere indicativo)
- vive tutte relazioni a distanza, online e offline. E' una scelta consapevole (per cui avrà i suoi motivi) o è una cosa su cui non ha mai riflettuto? E' adulto per cui presumo con un po' di anni relazionali alle spalle: come viveva una relazione "vicina" oltre che per i "limiti" che ha descritto? (parla di una vita travagliata e dolorosa)
E in ultimo, le riflessioni a cui lei stesso ha accennato:
-che strada sto facendo ?
-e perché ne sono così arci contento ?

Se ne potrebbero fare altre ovviamente ma sarebbe necessario conoscerla meglio.

Ovviamente io le consiglierei comunque un percorso psicologico che vada ad affrontare le riflessioni di cui sopra. Non per cambiare stile di vita, qualora non ne abbia il desiderio, ma quantomeno per affrontarlo in modo più consapevole soprattutto legandone il senso alla sua storia di vita.

Un caro saluto
Sonia Bertinat
  • "Quando una porta si chiude, altre si aprono, ma spesso passiamo troppo tempo ad osservare con rimpianto la porta chiusa tanto da non vedere quelle che si stanno aprendo per noi."  Alexander Graham Bell
Psicoterapeuta ad orientamento psicodinamico specializzata nella conduzione di terapie di gruppo con l'uso dello psicodramma analitico individuativo

Per rispondere devi registrarti o fare il log-in

 

Discussioni simili

  Oggetto / Aperto da Risposte Ultimo post
0 Risposte
2293 Visite
Ultimo post 17 Maggio, 2013, 16:19:43
da odsbologna
1 Risposte
3828 Visite
Ultimo post 18 Novembre, 2013, 13:07:24
da enrico prosperi
2 Risposte
3373 Visite
Ultimo post 14 Maggio, 2014, 23:38:38
da Tristezza
1 Risposte
2050 Visite
Ultimo post 22 Maggio, 2014, 21:05:24
da Dott.ssa Sonia Bertinat
1 Risposte
1994 Visite
Ultimo post 10 Luglio, 2014, 18:00:11
da Dott.ssa Sonia Bertinat