psicologo Salerno

La psicoterapia sistemico-relazionale

La Psicoterapia Sistemico-Relazionale (familiare)

Il processo della terapia della famiglia ruota intorno a persone e relazioni, e il terapeuta ne è la figura centrale. Per essere utile ad una persona in difficoltà, il terapeuta dev’essere chiaro riguardo alla struttura del ruolo professionale che adotterà.

In terapia lo psicoterapeuta deve far capire ai pazienti che non si può mostrare semplicemente la strada, ma che per raggiungere qualsiasi meta dovranno impegnarsi in prima persona. Lo strumento principale del terapeuta è se stesso.

Qualsiasi terapia utile, implica un certo grado di sofferenza e di lotta, ed è importante l’esperienza in sè, non l’esito. L’investimento di un terapeuta è di essere coinvolto in una esperienza reale con la famiglia, o con il singolo individuo, e non nel cercare di cambiarla. Il confronto è una condivisione di prospettive, non una manipolazione.

La meta della psicoterapia sistemico-relazionale familiare è di aiutare le famiglie, o il singolo, a raggiungere un livello di vita più adattivo e soddisfacente. La pura remissione dei sintomi non basta, e viene considerata un effetto collaterale della terapia riuscita, non il suo obiettivo principale. Di fatto, potrebbe anche essere che, il vivere senza sintomi, sia semplicemente un’illusione distruttiva, mentre una meta più realistica e piacevole potrebbe essere lo sviluppo della libertà di avere una vita familiare in cui tutti i membri trarrebbero vantaggio dall’esperienza di poter assumere tutte le posizioni al suo interno.



Perché Sistemica?

Il disagio di una persona non viene considerato come un malessere in sè, ma in relazione ad un sistema, sia esso la famiglia, un gruppo di lavoro, una cerchia di amici… Il disagio va valutato quindi sotto vari punti di vista, per avere una visione più ampia della problematica.

Perché Relazionale?

Relazionale perchè nel corso della nostra vita facciamo diversi tipi di esperienze; questo bagaglio di esperienze relazionali che abbiamo maturato col tempo negli ambienti, non solo familiari, in cui abbiamo vissuto, fanno parte della nostra essenza ed è inevitabile quindi che tutto questo influisca sui nostri rapporti interpersonali. In quest’ottica la psicoterapia sistemico-relazionale, non valuta il disagio unicamente per ciò che è, ma sempre in relazione alle esperienze avute.

La soluzione dei problemi: il cambiamento

Dato che il cambiamento pervade ogni atto della vita, si potrebbe presumere che non ci sia nessuno che non sappia individuare con chiarezza la natura del cambiamento e i modi per effettuarlo. Ma quello che è a portata di mano, spesso è più difficile da prendere.

Per produrre il cambiamento è fondamentale la fiducia. Va da sè che la fiducia è un sentimento spontaneo e non si può ottenere nè suscitare a richiesta.

Un problema per essere risolto, anzitutto deve essere un problema. Ossia è di basilare importanza definire in termini concreti un problema enunciato in termini vaghi perchè tale operazione consente di separare i problemi dagli pseudo-problemi. Occorre, nella terapia sistemico-relazionale, porsi una meta concretamente definibile e praticamente attuabile, il che salvaguarda chi cerca di risolvere il problema dall’adottare soluzioni errate che creano il problema anzichè risolverlo. Dunque porsi mete raggiungibili, produce un effetto positivo sul paziente.

Le finalità del cambiamento in terapia

Nell’approccio sistemico-relazionale,  per la soluzione dei problemi gioca un ruolo fondamentale anche il concetto di ristrutturazione. Ristrutturare significa dare una nuova prospettiva alla visione del mondo concettuale e/o emozionale del soggetto e porlo in condizione di considerare i fatti da un punto di vista tale da permettergli di affrontare meglio la situazione anzichè eluderla, perchè il modo nuovo di guardare la relatà, grazie allo psicoterapeuta, ne ha mutato completamente il senso. La ristrutturazione non cambia i fatti concreti ma il significato che il soggetto attribuisce alla situazione.

 

Torna alla Home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *