Nasce in Internet la petizione per l'”Assistenza sessuale ai disabili”

assistenza disabili

Un argomento “difficile” da trattare e che si presta ad equivoci, ha invece dei seri fondamenti

“Consentire ai diversamente abili di avere una vita relazionale completa”: senza pubblicità, l’appello ha raccolto 1500 firme e testimonial “popolari”. L’obiettivo è il riconoscimento legale di un servizio che in altri paesi è a carico dello stato, ma che in Italia rischia di essere assimilata alla prostituzione.

L’assistenza sessuale alla persona affetta da disabilità in Italia, a differenza di altri paesi europei, resta un argomento tabù. Ora però una petizione spinge perché si apra un dibattito sereno che, aldilà delle polemiche, possa portare a proposte concrete e soluzioni legislative per i disabili italiani.


L’iniziativa della sottoscrizione online è stata lanciata a novembre da Max Ulivieri, web designer con una grave disabilità: “In poco più di due mesi – dice il promotore – , e senza nessuna pubblicità, si sono già raccolte circa 1.500 adesioni alla proposta di istituire, anche nel nostro Paese, la figura dell’assistente sessuale”. Ad aderire all’appello in rete (firmiamo.it/assistenzasessuale) sono state in maggioranza persone comuni, senza alcun handicap e che hanno semplicemente sposato la causa.

L’argomento è delicato e si presta a facili strumentalizzazioni perché nell’opinione pubblica passa facilmente l’equiparazione fra l’assistenza sessuale e la prestazione sessuale fornita da terzi. In realtà, spiegano i promotori dell’iniziativa, si configura come una pratica soprattutto relazionale…

leggi tutto l’articolo

fonte: repubblica.it

  • Parliamo di Disabilità nel Forum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *