Separazione: gli spazi neutri d’incontro

spazi neutri d'incontro

Oltre alla mediazione familiare, le coppie che si separano possono affidarsi, per superare le loro difficoltà relative soprattutto al loro ruolo di genitori, al sostegno offerto dagli spazi neutri d’incontro.

Lo spazio neutro è un ambito mirato a facilitare il riavvicinamento relazionale ed emotivo tra genitori o adulti di riferimento e figli che hanno subito, o hanno in corso un’interruzione di rapporto determinata da dinamiche gravemente conflittuali interne al nucleo familiare. Lo spazio neutro è un contenitore qualificato, uno spazio esterno, un tempo delimitato, un luogo terzo, un territorio che non appartiene ad alcuno dei contendenti, dove gli incontri possono avvenire; un ambito dove la presenza di operatori adeguatamente formati assume la funzione di sostegno emotivo, e facilita il concretizzarsi delle condizioni per un incontro positivo con i genitori.

Il diritto di visita e di relazione è la definizione che spesso viene usata per connotare l’ambito di lavoro dello spazio neutro. Parlare di diritto di visita e di relazione significa addentrarsi in questioni che attengono alla qualità dei legami primari che stanno alla base della strutturazione, della personalità di ciascuno: relazioni di cura, legami generazionali, legami familiari.

Lo scopo primario che ha favorito la creazione degli spazi d’incontro, è quello di facilitare la prosecuzione del rapporto del figlio con entrambi i genitori, qualunque sia la relazione di coppia.

La motivazione alla base è quindi quella di sostenere la genitorialità, infatti la rottura tra i coniugi non deve comportare la rottura dei rapporti genitoriali.

Lo spazio neutro è tale perchè non è di proprietà di qualcuno dei contendenti, ma di un terzo, che è il corpo sociale, che ricorda l’obbligo e il dovere di ciascuno e di tutti, e non solo il diritto. E’ proprio all’interno di una situazione di obbligo e di dovere che si può cercare d’introdurre almeno un po’ di speranza e di fiducia nel legame, e questo è il compito delicatissimo degli operatori psico sociali. Non sempre essi riescono nell’impresa, ma occorre che ci provino sempre.

link sponsorizzati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *