Si chiama Hoarding: comprare tutte le cose inutili

hoarding psicologia

Un problema psichico poco conosciuto, ma che si sta diffondendo anche qui da noi

Hoarding, Sillogomania, Accaparramento Patologico, Accaparramento compulsivo, Disposofobia, Mentalità Messie, Sindrome di Collyer.

Raramente così tante parole riconducono ad un unico disturbo.

Al giorno d’oggi per Hoarding [incoronando questo termine per merito della sua diffusione internazionale] si intende un disturbo mentale caratterizzato da un bisogno ossessivo, ma di acquisire [senza utilizzare né buttare via] una notevole quantità di sostanze indifferenziate, oggetti, cibo. Scatolette di cibo vuote, indumenti vari nuovi mai usati, usati, anche se gli elementi sono inutili, pericolosi, o insalubri sono protagoniste della casa.


L’accaparramento compulsivo provoca impedimenti e danni significativi ad attività essenziali quali muoversi, cucinare, fare le pulizie, lavarsi e dormire, perché lo spazio è occupato e pressato dalla roba al punto che diventa protagonista della casa e , l’hoarder sembra che debba essere cacciato furi dallo spazio in cui normalmente vivrebbe, ma ormai non può più possedere.

Nonostante molti hoarders riescano a nascondere bene[anche] il loro problema tra le mura casalinghe, i dati mostrano un incremento del fenomeno negli ultimi anni, tanto che in America è stata mandato in onda un docu-reality sulla TLC dal nome ‘Hoarding: BuriedAlive’ nell’anno 2010, trasmesso poi in Italia da Real Time con il nome ‘Sepolti vivi’. Ogni episodio viene dedicato a due diverse storie in cui gli hoarder vengono aiutati da uno psicoterapeuta e da un personal organizer a rendere nuovamente agibili gli spazi abitativi liberandosi di tutti i beni inutili accumulati nel corso degli anni.

L’hoarding comincia a farsi strada nella psicopatologia con il nome di Sindrome di Collyer attraverso l’inquietante vicenda di due fratelli vissuti…

leggi tutto l’articolo

fonte: opsonline.it

 

  • Parliamo di Dipendenze comportamentali e di Hoarding nel Forum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *